Revisione Quadrilatera Del Cowboy

L’anno è il 1980. Le hoverbikes sono in voga, così come l’opera italiana degli anni ’20 e i giradischi portatili in vinile. Sei nel bel mezzo di un’irruzione in una villa altamente protetta e la cassaforte che sei lì per afferrare è circondata da laser, proprio come ti aspettavi. Butti giù il tuo grosso laptop e dopo una raffica di battute decise, premi il pulsante Invio. Altrove nel complesso, la tua valigetta strategicamente posizionata si apre per schierare un fucile, che ruota e spara un colpo per colpire un interruttore, proprio come hai programmato. I laser scompaiono e ti metti in azione, forzando te stesso e la sicurezza attraverso una finestra di vetro, tre piani in basso, direttamente sul punto di estrazione pochi secondi prima che si attivi l’allarme. Obiettivo completo. Ritorni a casa e celebra una missione di successo con i tuoi complici in grande stile – mangiando ramen istantaneo.

Quadrilateral Cowboy è un gioco con due distinti tipi di esperienze. Il primo: teso, missione: rapine in stile impossibile, che si svolgono in una varietà di scenari che sfidano la morte e ti sfidano a usare la logica, l’hacking del computer e una varietà di gadget unici per completare obiettivi criminali. Il secondo: momenti tranquilli e pacifici che si svolgono nelle case e nei nascondigli del tuo protagonista e dei suoi complici, che ti danno un senso delle loro relazioni reciproche e ti immergono nell’ambiente non convenzionale del gioco.

Il mondo di Quadrilateral Cowboy è un bizzarro collage retro-futuristico. Abbraccia la tecnologia all’avanguardia dei primi anni ’80 e inietta quell’estetica goffa e analogica in un ethos cyberpunk. Il fascino del gioco per la tecnologia analogica, così come la manipolazione fisica della tecnologia, avvolge l’ambiente. Si inseriscono cassette per recuperare i dati. Sfogliate i manuali di istruzioni rilegati a spirale. Per salvare il gioco, devi premere una leva su una macchina a nastro magnetico da sei piedi. Una delle prime cose che devi fare è costruire un computer installando ogni singola parte nella scheda madre; inserire la CPU, inserire l’alimentatore e collegare quell’enorme stick di 256k RAM. Poi, c’è la fisicità della meccanica principale del gioco, l’hacking.

L’hacking è una gioia. Negli scenari di rapina del Cowboy quadrilatero – grattacieli torreggianti, inseguimenti di camion ad alta velocità, stazioni spaziali, solo per citarne alcuni – lo scopo dell’hacking non è quello di penetrare nei mainframe dei computer, ma piuttosto manipolare l’ambiente fisico per aprire le porte, disarmare i laser e gestire in remoto alcuni dei gadget unici del gioco come robot in miniatura e torrette dispiegabili. I comandi che devi imparare e digitare fisicamente sulla tua tastiera rumorosa non sono particolarmente complicati. Ma ciò che rende l’hacking incredibilmente appagante è la fisicità del tuo mazzo di hacking, la complessità delle stringhe di comando richieste più avanti nel gioco e il modo in cui ti viene richiesto di muoverti e interagire all’interno degli effetti complessi e tangibili di un hack di successo.

Prima di hackerare, è necessario equipaggiare fisicamente il proprio mazzo di hacking e posizionarlo su una superficie, e sebbene la prospettiva ingrandisca lo schermo del terminale una volta avviato il mazzo, si è ancora completamente liberi di guardarsi intorno e osservare il proprio ambiente. Guardarsi intorno con il mouse quando è necessario digitare con entrambe le mani può essere complicato, ma ciò che rende questa funzione incredibilmente gratificante è che puoi immediatamente vedere l’impatto dei comandi che esegui. Quando si sblocca una porta, è possibile digitare il comando necessario nel terminale di hacking, spostare la prospettiva per guardare oltre la schermata di hacking in-game e sulla porta, premere con sicurezza il pulsante “Invio” e vedere immediatamente l’effetto.

Il posizionamento fisico del tuo mazzo e ciò che puoi vedere mentre lo usi diventa una parte necessaria delle missioni più avanti nel gioco, dove l’osservazione dell’ambiente diventa la chiave per sapere esattamente quando manipolarlo. Devi sapere quando disattivare i laser per consentire a un oggetto in movimento di scivolare senza innescare un allarme, ad esempio. In un altro caso, potresti dover connettere in modalità wireless la fotocamera di un gadget a uno schermo CRT aggiuntivo, separato dalla tua piattaforma di hacking, per monitorare la situazione a distanza. In casi come questo, è fondamentale considerare che il posizionamento fisico dello schermo CRT deve essere in una posizione in cui sia possibile osservare le immagini che il dispositivo remoto sta trasmettendo indietro, sia essere in grado di vedere le informazioni sul proprio mazzo di hacking puoi dargli i comandi corretti.
Nessuna didascalia fornita

Le missioni nel Cowboy quadrilatero alla fine culminano in una serie di situazioni complesse in cui non solo è necessario osservare la natura degli ostacoli ambientali che bloccano il percorso, ma imparare a pianificare in anticipo e programmare una sequenza di comandi da eseguire automaticamente con tempistiche precise. Alcuni dei momenti più elettrizzanti del gioco mi hanno fatto codificare un lungo algoritmo, ricontrollarlo per errori, premere “invio” e precipitare immediatamente attraverso una serie di pericoli che sono stati disabilitati appena li ho raggiunti e riattivati ​​non appena sono passato . Questa è l’azione di spionaggio informatico al suo culmine.

Anche se apprendere una vasta gamma di comandi di hacking sembra scoraggiante, non lo è. Cowboy quadrilatero introduce gradualmente nuovi concetti meccanici, comandi e gadget con ogni missione rapina per aiutarti lentamente a costruire una base di conoscenza. Ogni singola missione può durare da uno a 20 minuti a seconda delle tue capacità, e ognuna fa un ottimo lavoro nel farti sentire un vero hacker ogni volta che realizzi qualcosa di nuovo. Nelle ultime missioni del gioco, mi sono ritrovato a fare l’equivalente della tipizzazione tattile in-game: mantenere la mia prospettiva sul bersaglio di hacking piuttosto che sul mazzo di hacking, ed entrare in risme di comandi invisibili, raggiante di fiducia.

Ci sono solo un paio di casi in cui i meccanici del gioco sono rimasti delusi. Uno degli ostacoli finali nel gioco richiedeva molta più destrezza, piuttosto che abilità di programmazione, da superare. L’altra delusione riguarda la meccanica del tag team introdotta più avanti nel gioco, in cui ti viene data la possibilità di assumere il controllo di personaggi diversi con abilità diverse. Queste missioni richiedono di entrare come Personaggio A, essenzialmente “registrare” una serie di azioni, tornare indietro e riavvolgere, passare al Personaggio B e quindi agire in tandem con le azioni del personaggio precedente. Questo meccanico viene eseguito bene nonostante alcuni piccoli singhiozzi tecnici, ma viene utilizzato solo per due rapina corretta prima di non apparire più. È un peccato vedere questa funzione sottoutilizzata, anche se la funzionalità Steam Workshop integrata del gioco consente la creazione di mappe personalizzate.

L’altro lato della moneta di Quadrilateral Cowboy, i momenti di quiete tra le missioni, sono forti quanto i suoi colpi. Il gioco non ha una trama esplicita e nessun dialogo per portare avanti gli eventi. Invece, ciò che viene fornito sono una serie di vignette interattive brevi ma minuziosamente dettagliate che danno un’idea di particolari personaggi, delle loro relazioni reciproche e del mondo leggermente fuori luogo in cui vivono. Coloro che hanno familiarità con alcuni dei precedenti giochi dello sviluppatore – Trenta voli di amore e gravità – avranno un’idea di cosa aspettarsi. Questi diorami sono pieni di dettagli, testi significativi e possono essere esplorati a piacimento del giocatore. Ho avuto la stessa gratificazione osservando una raccolta di fotografie su una parete della camera da letto, cercando di mettere insieme il retroscena di questi personaggi, come ho fatto eseguendo perfettamente una serie di istruzioni da riga di comando con il mio terminale di hacking mentre ero in movimento treno. Una delle scene più memorabili del gioco è stata quella di uscire con i personaggi su un tetto al tramonto e godersi il momento. Quando il Cowboy quadrilatero è finito, mi è rimasto un sentimento distinto e toccante per i personaggi e il viaggio in cui eravamo stati tutti, nonostante non avessimo mai parlato con loro.

Il quadrilatero Cowboy riesce in modi sorprendenti: ti fa sentire un hacker di computer incredibilmente compiuto e un agente di spionaggio. Crea un mondo eccentrico e completo in cui è bello esistere e crea personaggi con cui puoi entrare in empatia, nonostante la mancanza di un chiaro filo conduttore. Quadrilateral Cowboy ti offre uno spettro di momenti e ogni momento ti fa sentire bene.